Messaggio del Consigliere federale Alain Berset

Il teatro è democrazia. Permette di esprimere opinioni in pubblico e di diffondere idee. Permette il confronto pacifico tra visioni e aspirazioni diverse. Discriminazioni, disuguaglianze, domanda di giustizia: i temi affrontati quest’anno all’Incontro del teatro svizzero rispecchiano le preoccupazioni sociali e politiche del nostro tempo e invitano a riflettervi. Il teatro è prezioso perché rimette in discussione le verità dominanti e decostruisce i miti, carburante dei discorsi estremisti.

Il teatro è anche dialogo e coesione. Già cent’anni fa, lo scrittore svizzero Carl Spitteler ci invitava ad avvicinarci agli altri svizzeri, nonostante le affinità culturali ci spingano piuttosto verso i Paesi limitrofi. L’Incontro del teatro svizzero offre la possibilità unica di accedere a produzioni dei quattro angoli della Confederazione, permettendo così al pubblico di confrontarsi con altre lingue, mentalità e riferimenti culturali. Migliorando la comprensione reciproca, favorisce la coesione tra le diverse componenti del nostro Paese.

Ma il teatro è anche piacere e svago. In questo senso auguro a tutti, al pubblico come a chi profonde il proprio impegno personale nell’Incontro del teatro svizzero, una magnifica edizione 2019.

Alain Berset, consigliere federale