Elogio della provincia - teatro in periferia

Tavola rotonda e dibattito

La rigogliosità del paesaggio teatrale svizzero affonda le sue radici anche nella cosiddetta «provincia». Dagli anni Settanta, grazie a coproduzioni con teatri regionali senza una compagnia fissa, ha potuto affermarsi una ricca scena teatrale anche al di fuori degli agglomerati urbani. Mentre nelle grandi città l’eterogeneità della creazione teatrale si riflette nella differenziazione tra varie istituzioni con un profilo specialistico, in provincia i teatri riuniscono sotto un unico tetto istituzionale le forme artistiche e le strutture produttive più disparate. In quanto componente essenziale dell'identità culturale regionale, essi si distinguono – per quanto paradossale possa sembrare – proprio per la pluralità del loro programma, in cui forme teatrali convenzionali coabitano con sperimentazioni che mirano ad estendere il canone delle arti sceniche al di là delle tradizionali modalità di recitazione.

Dovendo conciliare offerta di base, identità culturale e innovazione, i teatri periferici non possono puntare su un pubblico specialistico, ma si trovano nella necessità di soddisfare le esigenze e aspettative più diverse. Sia sul piano della programmazione che su quello comunicativo, il lavoro teatrale in provincia si differenzia dunque in modo fondamentale dai compiti delle istituzioni nei centri urbani.

Nell’ambito della tavola rotonda, che sarà seguita da un dibattito con il pubblico, alcuni direttori di teatro disquisiranno con addetti alla politica culturale sulle peculiarità di una «drammaturgia della provincia». Infine, ma non meno importante, l'evento offrirà l'opportunità di discutere nuove forme di collaborazione fra «teatri di provincia».

Intervento d'apertura - Peter-Jakob Kelting (Direttore Theater Tuchlaube, Aarau)

Con - Felizitas Ammann (Pro Helvetia - responsabile danza e teatro/ad interim), Jacques Cordonier (Capo del servizio della cultura dello Stato di Vallese), Alexandre Doublet (Direttore del TLH-Sierre, regista), Ute Haferburg (Direttrice del Theater Chur), Walter Küng (Aargauer Kuratorium, responsabile del gruppo teatro, danza e litteratura)  

Traduzione simultanea tedesco - francese

 

25.05—13h00
In francese, tedesco
durata 3h