Annullamento dell’Incontro del Teatro Svizzero 2020

Comunicato stampa - 25 marzo 2020

In considerazione della dilagante pandemia di Covid 19, la settima edizione dell’Incontro del Teatro Svizzero – prevista dal 13 al 17 maggio 2020 presso il Teatro di Coira, la Postremise di Coira e il TAK Theater Liechtenstein – non avrà luogo.

L’Associazione Incontro del Teatro Svizzero, promotrice del festival, si rammarica per l’annullamento, poiché l’edizione 2020 sarebbe stata speciale. Per la prima volta questa rassegna teatrale avrebbe oltrepassato i confini nazionali. Quali sedi erano infatti stati scelti non solo il Teatro di Coira e la Postremise nei Grigioni, ma anche il TAK Theater Liechtenstein nel vicino Principato.

«Attendevamo con gioia un’edizione vivace e variegata, ma appoggiamo le misure stabilite dal Consiglio federale e concordiamo sul fatto che in questo momento lo svolgimento del festival non sarebbe né responsabile né opportuno», sostiene Kathrin Lötscher, direttrice dell’Associazione Incontro del Teatro Svizzero.

«Considerata la situazione attuale, l’annullamento dell’Incontro del Teatro Svizzero è inevitabile. Siamo tuttavia molto dispiaciuti che questo importante festival non potrà avere luogo nelle due regioni dei Grigioni e del Liechtenstein. Ci auguriamo che l’impulso alla cooperazione transfrontaliera e con esso l’avvicinamento di pubblico, operatori culturali e politica oltre i confini nazionali si protrarrà anche in futuro», hanno dichiarato i direttori dei teatri partner Ute Haferburg, Manfred Ferrari e Thomas Spieckermann in una presa di posizione congiunta.

L’Incontro del Teatro Svizzero è la più importante vetrina della produzione teatrale elvetica. Gli spettacoli invitati vengono visionati nell’arco di un anno e scelti da una commissione di selezione composta da professioniste e professionisti del settore. Agli organizzatori sta molto a cuore presentare comunque e dare la maggiore visibilità possibile alle produzioni che avrebbero costituito il programma della settima edizione del festival.

Ecco la selezione del 2020:

Angels in America (Angeli in America) /Autore Tony Kushner / Regia Philippe Saire / Produzione Cie Philippe Saire in collaborazione con Comédie de Genève, Arsenic Lausanne, Théâtre des Martyrs – Bruxelles, Théâtre Benno Besson – Yverdon-les-Bains

Der letzte Schnee (Ultima neve) / dal romanzo omonimo di Arno Camenisch / Regia Jonas Knecht / Produzione Konzert Theater Bern

Der Kirschgarten (Il giardino dei ciliegi) / da Anton Tschechow / Regia Yana Ross / Produzione Schauspielhaus Zürich

L’amore ist nicht une chose for everybody (Loving Kills)) / Regia Simon Waldvogel / Produzione Collettivo Treppenwitz

Les Italiens (Gli italiani) / Regia Massimo Furlan / Produzione Numero23.Prod in collaborazione con il Théâtre Vidy-Lausanne

Palmasola/ Regia Christoph Frick / Produzione Klara Theaterproduktionen in collaborazione con Kaserne Basel, Tuchlaube Aarau e Goethe-Zentrum Santa Cruz

Si les pauvres n'existaient pas, faudrait les inventer(Se i poveri non esistessero, si dovrebbe inventarli) / Regia Jérôme Richer / Produzione Cie des Ombres con la Lega svizzera dei diritti dell’uomo e Le Grütli – Centre de production et de diffusion des Arts vivants

Inoltre, sono state invitate le seguenti produzioni, che per ragioni tecniche ed organizzative non avrebbero potuto essere presentate nell’ambito del festival:

In den Gärten oder Lysistrata Teil 2(Nei giardini di Lisistrata Parte 2) / Autrice Sybille Berg / Regia Milos Lolic / Produzione Theater Basel 

Die Toten(I morti) / Regia Barbara Frey / Produzione Schauspielhaus Zürich

Ulteriori informazioni sono disponibili al sito: www.incontro-teatro.ch

Il presidente dell’Incontro del Teatro Svizzero, Plinio Bachmann, sottolinea quanto la situazione di artiste e artiste ed operatori culturali sia precaria in questo momento: «Siamo particolarmente dispiaciuti per le artiste e gli artisti le cui creazioni non potranno essere adeguatamente valorizzate. Costituiscono tuttavia solo la minima parte di un numero enorme di operatrici ed operatori culturali costretti ad affrontare questa crisi senza alcuna rete di protezione. A loro va tutta la nostra solidarietà.»

L’Incontro del Teatro Svizzero si sforzerà di ridurre al minimo gli inconvenienti che l’annullamento del festival comporterà in particolare per le artiste e gli artisti indipendenti, il personale tecnico e tutti gli altri collaboratori e collaboratrici.

L’Incontro del Teatro Svizzero si rallegra sin d’ora di potere organizzare nel 2021 la prossima edizione nella sua forma abituale, per la quale fervono già i preparativi. Il luogo e il periodo in cui si svolgerà la manifestazione, come pure maggiori dettagli verranno comunicati a tempo debito.

25.03—10h00